L’amore ai tempi di Football Manager

Football Manager e le donne, rapporto complicato
Se sorride anche quando giochi a Football Manager, probabilmente è vero amore…

Si narra che il fidanzamento sia la principale causa di allontanamento da Football Manager. I veri appassionati, pur di giocare, spesso si riducono a fare le ore piccole per godersi l’attimo fuggente di libertà. Con questo articolo, vi daremo alcuni consigli su come rendere compatibili i due grandi amori…

 

Fidanzamento vs. Football Manager: mondi compatibili?

Tutti quanti noi, almeno una volta nella nostra vita, abbiamo dovuto soffrire per amore. A volte due di picche, altre semplici litigi, o piccole incomprensioni che hanno portato ad un allontanamento della coppia. Ma attraverso il duro lavoro e l’autocritica, alla fine, si è sempre stati in grado di superare la crisi e, di conseguenza, anche i problemi sentimentali.

Ma nel preciso istante in cui si ha l’insensata idea di uscire di casa e addirittura trovarsi una fidanzata, rischia di vacillare la tua relazione più lunga. Quella decennale con Football Manager, che inizia ad essere drammaticamente a rischio, traballante come la panchina quando non raggiungi l’obiettivo prefissato.

In fondo, ne hai passati tantissimi di momenti difficili. Sei riuscito a superare il tradimento del tuo giovane pupillo, che senza nessun preavviso accettò l’offerta dei tuoi storici rivali, o anche la sconfitta in finale di Champions League. Che, almeno, aveva avuto il pregio di rafforzare il tuo legame affettivo alla squadra. Nessun evento negativo, però, ha fatto vacillare la tua carriera professionistica quanto l’arrivo di una ragazza nella tua vita, fatta di studio o lavoro e ore ed ore da allenatore virtuale. E se il tempo che potevi concedere a Football Manager era poco, l’arrivo del terzo incomodo rende la situazione drammatica. Sì, anche di più della rottura del crociato di Belotti.

 

Non esiste il compromesso

Non esistono compromessi. Togliti dalla testa la pazza idea di cercare di far coesistere alla pari i tuoi due amori.
Se la nuova arrivata, ad esempio, decide che oggi è la giornata buona per una cenetta romantica nel suo ristorante preferito, la scelta tra assecondarla o spingere affinché tu possa rimanere a casa sarà molto ardua. Molto più del momento in cui il tuo giocatore chiave subisce un infortunio di lieve entità, alla vigilia del match più importante della stagione. In confronto, decidere se comunicare ai medici che preferisci egli sosti in infermeria o che, al contrario, possa giocare sotto infiltrazioni, sarà una barzelletta.

Scarta anche la malsana idea di portare il PC al ristorante e fare 1-2 partitine mentre si aspetta di essere serviti. I due schiaffi subiti, statene certi, faranno più male del gol subito all’unico tiro in porta. Il bicchiere di vino che ti sarà fiondato addosso, inoltre, macchierà la camicia di un rosso simile a quello preso dal tuo mediano incontrista con un intervento killer. Infine, nella migliore dell’ipotesi, passerai la notte in bianco, nella peggiore retrocederai allo status di single.

 

Quali sono le possibili soluzioni?

Ma è proprio attraverso questi errori che si acquisiscono i grandi insegnamenti per il futuro. Se abbiamo capito che non è possibile ottenere due piccioni con una fava, la soluzione più semplice e immediata è il puro inganno.

Non fraintendetemi, una relazione amorosa deve basarsi sulla fiducia reciproca. Ma quando il tuo Catanzaro sta per giocare i play-off per la promozione in Serie A e tu sei in ritardo per andare a cena dai nonni della tua ragazza, la bugia bianca non sembra più così moralmente sbagliata.
Ovviamente, continue menzogne non ti porteranno lontano. Anzi, ci sarà il rischio che la troppa pressione esterna esercitata dalla tua dolce metà sia causa indiretta di una spaccatura dello spogliatoio. La cui causa scatenante sarà da ricercare nella deconcentrazione che non ti ha permesso di dare le giuste motivazioni ai tuoi giocatori.

L’unica soluzione a lungo termine sarebbe quella di fare da tutor alla tua fidanzata, al fine di introdurla al mondo di Football Manager. È più probabile, però, che essa non trovi la giusta affinità con te sul tema, facendo fallire ogni progetto di mènage a trois.

Più facile da percorrere è la strada della poligamia, facendo accettare piano piano la tua sfrenata passione alla tua ragazza. Non sarà un processo facile e immediato, ma attraverso un lavoro quotidiano e tanto impegno, nulla è impossibile. Deve vedere FM non come una rivale in amore, ma come un tuo piccolo impegno giornaliero che non influenzerà la vostra vita di coppia, una semplice distrazione dagli impegni lavorativi e di studio.

 

I consigli di Filippo

La mia esperienza personale mi induce a darvi dei piccoli ma fondamentali suggerimenti che potrebbero aiutarvi ad avere un buon rapporto sia di coppia che di gioco.

Primo consiglio. Se inizia a lamentarsi del troppo tempo che sprechi su Football Manager, MAI risponderle con un “È il mio lavoro! La società Calcio Padova mi ha ingaggiato per riportarla in alto!”. 
Dille semplicemente “Sì amore, hai ragione. Finisco questa partita e chiudo tutto. Tu nel frattempo vai a letto”. Ovviamente al suo risveglio tu sarai ancora seduto alla scrivania. Ma, nella fase di caricamento tra una stagione e l’altra, tatticamente le avrai preparato la colazione per addolcirla e farle scordare per quale motivo fosse arrabbiata.

Secondo consiglio. Se devi accompagnare la tua ragazza dal parrucchiere, ormai hai usato tutte le scuse possibili per non farlo e ti devi giocare la Supercoppa Irlandese, l’unica soluzione è ammaliarla con un complimento.
“Amore, non hai bisogno del parrucchiere, hai i capelli più belli di quelli di Philippe Mexès” può essere un approccio vincente. Se non è appassionata di calcio, probabilmente chiederà di vedere una foto. Ecco perché è meglio non usare Anthony Vanden Borre come profilo ideale…

Terzo consiglio. L’ultimo e il più importante. Se non le hai dato le giuste attenzioni e ti chiede di scegliere tra lei e Football Manager, non dirle che ti ha stancato e che per quanto ti riguarda può marcire tra le riserve. Piuttosto, se proprio non puoi rinunciare a giocare, pazienta ed aspetta che vada a fine contratto. Ma, oggettivamente, vale la pena di fare a meno del Messi della tua vita reale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *